Gambe: come curare stanchezza e gonfiore

3 Maggio 2019

“Le radici sono importanti, nella vita di un uomo, ma noi uomini abbiamo le gambe, non le radici, e le gambe sono fatte per andare altrove”

È molto importante preservare la salute delle gambe. I ritmi quotidiani a cui ci sottoponiamo, frenetici e incisivi, compromettono notevolmente la salute delle nostre gambe, causando dolori, formicolii ai piedi e fastidi inguinali. È quindi normale avvertire a fine giornata gambe e piedi doloranti e indolenziti se non riserviamo loro i dovuti e adeguati accorgimenti.

Da dove partire?

Il trattamento fondamentale è ovviamente lo sport, ma sempre associato a una corretta alimentazione. In questo modo eviterete il ristagno dei liquidi e quindi gli anestetismi della cellulite. Dedicate quindi durante la settimana qualche ora a esercizi che donino maggiore elasticità alle gambe. Così facendo rafforzerete anche la muscolatura e migliorerete la circolazione sanguigna.

 

Gonfiore

Senza dubbio il disturbo più frequente è rappresentato dal gonfiore alle gambe. Scarpe troppo alte, troppo strette, attività fisica eccessiva o postura sbagliata sono tra le cause primarie. Oltre a bagni decongestionanti con sale e bicarbonato che favoriscono l’eliminazione di liquidi, un’altra buona abitudine da adottare è quella di addormentarsi  ponendo un cuscino sotto i piedi come rialzo così da rilassare le caviglie e agevolare la circolazione.
È giusto considerare però che lo stato di salute di gambe e caviglie può essere anche sintomatico di disturbi più importanti legati a malattie cardiache o dei reni. Massaggi frequenti, che aiutino il ritorno venoso della circolazione sanguigna, sono forse il miglior rimedio naturale per combattere anche gli accumuli localizzati di tessuto adiposo nelle gambe.

E la pelle? I consigli di Officina Italica

Così come detergiamo il viso possiamo ovviamente detergere le nostre gambe, al fine di avere una cute morbida e setosa. Ma come scegliere i trattamenti cutanei?
Per alleviare la cheratosi pilare, una patologia della pelle che si presenta sotto forma di piccoli puntini simili a bollicine, è consigliabile effettuare dei peeling delicati e utilizzare prodotti in grado di amorbidire molto la pelle, meglio se svolgono anche attività cheratolitica.
Per la pelle irregolare e ruvida, derivante da prodotti troppo aggressivi, da fattori atmosferici o dalla depilazione, è ottimo una scrub due volte a settimana e l’applicazione di una crema idratante dopo doccia o bagno.
Infine, per problemi legati al sistema vascolare come l’eritrosi ci vengono in aiuto prodotti vaso costrittori e massaggi astringenti.

Può interessarti anche:
Pelle a buccia d’arancia: perché si forma e come eliminarla
SOS cellulite: cause e rimedi