discromie cutanee, come schiarire le macchie della pelle

23 gennaio 2018

Che cos’è una macchia della pelle?

La macchia della pelle sono zone in cui si manifesta un’anomala distribuzione della melanina (il pigmento responsabile della colorazione della pelle); le più comuni, trattabili in molti casi con prodotti cosmetici, sono le macchie da iperpigmentazione, ovvero un eccesso di melanina che si manifesta con un colore della pelle più scuro in quel punto.

Quali sono le principali cause delle macchie da iperpigmentazione?

Le cause della formazione di una macchia scura sono molteplici e tra queste sicuramente le più importanti sono:

  • Età avanzata e conseguente disorganizzazione dei meccanismi di diffusione della melanina nella pelle
  • Azione dei radicali liberi generati dall’esposizione al sole (raggi UV)
  • Fattori genetici ed ereditari (lentiggini ed efelidi)
  • Fattori ormonali che possono determinare melasma e cloasma (quest’ultimo anche conosciuto come “maschera gravidica”)
  • Farmaci (in seguito all’assunzione di alcuni tipi di farmaci, infatti, possono manifestarsi macchie sulla pelle del viso)
  • Sostanze irritanti (in seguito al contatto con sostanze irritanti, possono comparire delle macchie sulla pelle)

Esiste un prodotto unico per tutti i tipi di macchie?

La risposta più immediata è no … non esite un prodotto unico in grado di trattare qualsiasi tipo di discromia cutanea. Dato che le cause dell’insorgenza di macchie sulla pelle possono essere diverse va da sé che anche i trattamenti per riportare la pelle ad un colore omogeneo possono essere diversi.
Nel caso in cui le macchie sulla pelle del viso siano causate da un disturbo temporaneo – come avviene, ad esempio, nel caso della maschera gravidica – può non essere necessario intraprendere alcun tipo di trattamento, poiché la pigmentazione cutanea tornerà gradualmente alla normalità.
Nel caso in cui le macchie sulla pelle del viso siano provocate da patologie di base, il trattamento stesso delle patologie può indurre la risoluzione del disturbo della pigmentazione cutanea. Purtroppo, non sempre ciò si verifica e, in certi casi, le macchie sulla pelle del viso permangono anche se la malattia che le ha scatenate è stata adeguatamente trattata. In questo caso vengono in aiuto trattamenti cosmetici antimacchia efficaci che permettono di risolvere in pochi mesi il problema.

 

La crema antimacchia va applicata più volte al giorno?

Tutte le creme antimacchia che contengono un poool di attivi funzionali contro le discromie vanno applicate soprattutto la sera quando non c’è luce (perché molti di questi attivi sono sensibilizzanti e possono indurre la formazione di nuove macchie se stimolati dalla radiazione UV) anche se molti prodotti, grazie alla presenza di filtri all’interno delle formulazioni, permettono l’applicazione anche di giorno durante i mesi di irradiazione meno intensi.

Qual è il miglior trattamento antimacchia?

Un buon trattamento antimacchia deve agire su tre fronti: esfoliazione, azione inibente della melanina e protezione UV.

Prima ancora di una buona crema antimacchia è importante utilizzare un buon detergente per la pulizia del viso. Un prodotto valido per questo tipo di problematica deve contenere al suo interno un agente esfoliante che favorisca l’energica rimozione delle cellule dello strato corneo superficiale. Un esempio è il gluconolattone, una molecola ciclica che svolge un peeling delicatissimo in grado di rimuovere le cellule superficiali e con esse la melanina in eccesso. La delicatezza di questa molecola deriva dalla sua struttura che a contatto con la pelle, pur esfoliando in maniera efficace, non causa irritazione e rossore. Un altro esfoliante molto interessante è la vitamina C, meglio se in forma protetta così da prolungarne la stabilità.

Lo step successivo è l’utilizzo di una crema trattamento che agisca sul doppio fronte: esfoliazione della macchia ed inibizione della produzione di melanina. Tra i elementi funzionali che possono agire sulle macchie, un ottimo ingrediente è l’arbutina, un derivato zuccherino che interferisce nella sintesi della melanina agendo sull’enzima tirosinasi.

Ultimo passaggio è evitare che i raggi UV del sole promuovano la formazione di nuovi radicali liberi che potrebbero generare nuove macchie. È importante proteggersi durante esposizioni intense e prolungate (come avviene d’estate) e che la crema trattamento scelta per l’attenuazione delle macchie contenga al suo interno filtri anti UVA e UVB per evitare la formazione di radicali liberi anche durante l’esposizione quotidiana.

In quanto tempo si elimina una macchia da iperpigmentazione?

Non è possibile stimare un tempo valido per tutte le persone, viste le diverse eziologie ed il diverso grado di reazione di ogni individuo ad un trattamento cosmetico. Sicuramente bisogna tener presente che tali trattamenti richiedono almeno 60 giorni (due cicli completi di turn-over cellulare) per dare dei risultati; questo è il tempo necessario affinchè l’inibizione della melanogenesi vada a regime e la macchia non riceva più nuova melanina. Naturalmente pelli particolarmente reattive possono dare risultati visibili anche in tempi più brevi, ma rimane il fatto che questo tipo di trattamenti richiede un po’ di pazienza da parte dell’utilizzatore.

Officina Italica consiglia di detergere il viso con il latte detergente Ampomola e applicare 1 o 2 volte al giorno Fior di Ponente.

 

Potrebbe interessarti anche:

Esfoliazione